DOE: il meglio del 2014

32

Il dipartimento dell’energia americano (DOE) ha dedicato una parte del proprio sito agli investimenti, le innovazioni e i progressi che hanno caratterizzo il 2014.

Vediamo, nel particolare, quali sono “i numeri” per cui l’ente americano si è distinto.

Investimenti
Dai supercomputing all’energia pulita, sono stati annunciati importanti investimenti che  daranno forma al futuro della scienza e dell’energia. 

A novembre, il segretario Moniz aveva annunciato di stanziare 325.000.000 $ per due nuovi supercomputer di Oak Ridge National Laboratory e Lawrence Livermore National Laboratory, più 100.000.000 $ per sviluppare la prossima generazione di “exascale” informatica, con  un potenziale di velocità di 5/7 volte superiore rispetto ai supercomputer edi oggi. Nel frattempo, il prestito programmi Office (LPO) ha continuato a finanziare l’economia dell’energia pulita. Sono state annunciate nuove sollecitazioni per contribuire  alle energie rinnovabili, l’efficienza energetica e le tecnologie energetiche nucleari su scala commerciale. Complessivamente, la LPO ha un totale di 40.000.000.000 $ a disposizione per sostenere, in fase iniziale, tecnologie innovative per il  “sequestro” del carbonio e per  veicoli avanzati, tutti investimenti che potrebbero dare il via a nuove industrie. A partire da settembre 2014 poi, 20 progetti sono stati resi operativi, e stanno già ripagando i prestiti che hanno avuto.

Innovazioni
I Progetti energetici hanno raggiunto numeri da record, mentre avanzava la ricerca. Nel mese di febbraio, l’Ivanpah Solar Energy Generating ha completato la costruzione, che la rende la più grande concentrazione impianto solare al mondo – con la capacità di generare 392 megawatt di energia elettrica pulita. Sei mesi dopo Petra Nova, il più grande progetto di cattura del carbonio dopo la combustione al mondo, è stato messo in funzione. Entrambi i progetti sono stati resi possibili da un finanziamento Dipartimento dell’Energia. Una volta completato, il progetto catturerà il 90 per cento della CO2 da una centrale elettrica a carbone. Nel mese di ottobre, si è svolto il primo National Lab Day, il sistema del Dipartimento di Energia costituito da 17 Labs nazionali  che ha permesso di condividere le più importanti ricerche con i legislatori su temi che andavano dalle fonti rinnovabili alla fisica delle particelle e  grazie a questo molti progetti nel comparto si sono potuti realizzare.

Leadership
Leadership è stato un tema importante per il Dipartimento dell’Energia, sono infatti stati accolti nuovi leader come la Dr.ssa Elizabeth Sherwood-Randall (segretario dell’energia), Lynn Orr (sottosegretario per la Scienza e l’energia), Dr.ssa Ellen Williams (direttore di ARPA), Chris Smith (Assistente Segretario per l’energia fossile) nel frattempo, si è puntato sulle nuove generazioni che andranno a rimpiazzare quelle attuali .

Inoltre, nel comparto scientifico, tecnologico e matematico il dipartimento ha continuato sulla linea del Minorities Energy Initiative per stimolare le nuove generazioni ad esplorare il settore energetico e lavorare così per il futuro.

Print Friendly, PDF & Email