Data Center, con il progetto DC4Cities l’energia viene dalle FER

85

Programmare il consumo di corrente utilizzata dai data center in modo che il carico di lavoro massimo coincida con le ore del giorno in cui c’è la più alta disponibilità di fonti rinnovabili. E’ il perno intorno a cui ruota il progetto europeo DC4Cities che ha tra i suoi partner anche il consorzio di ricerca internazionale CREATENET e si pone come obiettivo la riduzione dell’impatto ambientale di queste tecnologie attraverso l’impiego delle FER.

Per perseguire questi risultati, da una parte, viene messo in atto un monitoraggio continuo di informazioni relative alla disponibilità dell’energia ottenuta da fonte rinnovabile (anche attraverso previsioni del tempo e dati a livello locale), dall’altra si analizzano i dati legati alle attività del data center, si prevedono i consumi energetici e, se necessario, si modifica l’attività del macchinario. 

Attualmente le sperimentazioni avviate sono tre. Una è a Trento, dove l’impiego di rinnovabili è salito dal 37% al 44%, un’ altra a Milano, dove i pannelli solari installati sul data center di HP hanno portato a un aumento dal 51% al 55% di FER. L’ultima è a Barcellona dove c’è stato un incremento di 17 punti percentuali, dal 26% al 43%. 

 

Tra le caratteristiche di questa sperimentazione anche la possibilità di utilizzare le fonti rinnovabili provenienti da diverse aree geografiche mettendole in condivisione fra i vari data center. 

Print Friendly, PDF & Email