Da Stoccolma il Nobel per il Led

23

L’Accademia Reale Svedese delle Scienze ha conferito il Premio Nobel per la Fisica 2014 a Isamu Akasaki, Hiroshi Amano e Shuji Nakamura per l’invenzione del Led che ha reso le fonti di luce bianche più efficienti dal punto di vista energetico e più rispettose dell’ambiente. Un’invenzione che, secondo l’Accademia, porta un grande beneficio all’umanità permettendo di creare la luce bianca in un modo nuovo attraverso lampade più durature oltre che più efficienti.

L’inizio delle ricerche risale ai primi anni Novanta e prende le mosse dallo studio dei semiconduttori. Per lungo tempo i diodi erano in grado di produrre solo luce verde e rossa ma mancando il blu non poteva essere creata la luce bianca. Una sfida che la comunità scientifica e l’industria, sottolinea una nota dell’Accademia, non erano state in grado di vincere per più di 30 anni fino all’esito degli studi dei tre ricercatori, i primi due presso le Università di Nagoya (Giappone) e  Nakamura all’Università della California (Usa).

 

Print Friendly, PDF & Email