Tappi riciclati per protesi: in Uganda e Congo due mini-fabbriche con Crowd4Africa

90

Obiettivo raggiunto. La campagna di crowdfunding Crowd4Africa, partita il 4 marzo sulla piattaforma eppela.com, ha raggiunto 24.549 euro rispetto a un traguardo di 22.900. In più ha raccolto 39.290 euro attraverso canali tradizionali e aiuti corporate.

La somma consentirà di realizzare due mini-fabbriche da inviare al Lacor St. Mary Hospital di Gulu, in Uganda, e al Centro Sanitario di Kenge, in Congo, per la produzione di protesi e di pezzi di ricambio da tappi di plastica riciclati.

Ogni sistema sarà composto da una tritatrice che sbriciola la plastica e un estrusore che la fonde e crea un filo plastico; due computer e un archivio di oggetti 3D da stampare; un sistema di acquisizione 3D e una stampante 3D; un set di ricambi e attrezzature; la documentazione e i tutorial.

Producendo in loco i materiali sarà possibile ridurre i costi delle protesi da 300 a 10 dollari, in modo da provare ad alleviare uno dei più grandi problemi degli ospedali africani, che aspettano mesi per disporre dei pezzi di ricambio.

Il progetto ha coinvolto 15 studenti dell’Istituto M.Massimo di Roma dei Padri Gesuiti, 20 professionisti e genitori volontari e 69 ragazzi e 40 genitori del corso Making 3D Printer.

 

Print Friendly, PDF & Email