Climatizzazione, Assoclima: mercato in crescita nel 2015

93

Nel 2015 il valore del mercato in Italia dei componenti per la climatizzazione ha vissuto una crescita dell’11,8% rispetto l’anno precedente, raggiungendo un valore complessivo di circa un miliardo di euro. Segno positivo anche per la produzione di tre tipologie di prodotto – chile, unità terminali e di trattamento aria – che, a livello nazionale, ha toccato i 646 milioni di euro.

Questi i risultati dell’indagine statistica condotta da Assoclima, federata di ANIMA, che ha coinvolto un campione di 43 aziende e ha elaborato dati di produzione, importazione, esportazione e di mercato di climatizzatori split e multisplit, sistemi VRF, condizionatori packaged, roof top, unità di trattamento aria, chiller con condensazione ad aria e ad acqua e unità terminali.

Andando più nel dettaglio, c’è da fare una distinzione tra i diversi comparti applicativi. Il settore residenziale, ad esempio, ha vissuto sei mesi di contrazione per i sistemi split e multisplit, in corrispondenza della brutta stagione estiva del 2014, e sei mesi di crescita: per i monosplit +8% a quantità e +5% a valore, per i multisplit +5% a quantità e +2% a valore. Invece, nell’estate calda del 2015 si è registrata una forte domanda dei sell-out che continua ancora oggi.

Per tutto il 2015 i sistemi commerciali e VRF hanno registrato un andamento positivo, con +20% a quantità e +14% a valore. Bene anche le macchine idroniche: protagonisti i gruppi frigoriferi condensati ad aria e, in particolare, quelle “a pompa di calore” (come effetto dell’estensione della tariffa elettrica D1 nel residenziale).

“Il 2015 può essere considerato il primo anno realmente positivo per il settore dei componenti per impianti di climatizzazione dall’inizio della crisi del 2008. Sono diversi i fattori che hanno influito: un’estate particolarmente lunga e calda, la ripresa dell’edilizia e una serie di misure incentivanti”, ha commentato in notaAlessandro Riello, Presidente di Assoclima Costruttori Sistemi di Climatizzazione.

 

Print Friendly, PDF & Email