Proteggere gli ultimi fiumi incontaminati della regione balcanica da oltre 3.000 progetti idroelettrici. E’ con quest’obiettivo che Patagonia, azienda di abbigliamento outdoor, ha lanciato una campagna multimediale attraverso un sito web creato ad hoc e denominato Blue Heart e una petizione che esorta le banche internazionali a porre fine agli investimenti nella distruzione di questo patrimonio naturale. (per firmare la petizione clicca qui)

THIS PHOTO IS TO BE USED ONLY TO PROMOTE PATAGONIA PRODUCTS. Authorized for licensed dealers – NO third party use. Photo rights expire on DEC 30th 2021. PHOTO CREDIT: Andrew Burr / “Blue Heart”

Appoggiare le comunità locali

Patagonia appoggia così la battaglia delle comunità locali e delle ONG in Bosnia ed Erzegovina, Albania e Macedonia per fare pressione sugli sviluppatori e sulle banche straniere che stanno investendo oltre 700 milioni di euro per finanziare i progetti di costruzione di dighe. ll numero di progetti di dighe proposti nella regione balcanica è, infatti, raddoppiato dal 2015. Il 91% delle dighe e delle derivazioni proposte, estremamente costose da costruire e mantenere, fornirà pochissima energia.

Il sito Blue Heart 

Il sito web Blue Heart di Patagonia si configura come uno strumento pensato per presentare questa regione minacciata e dimenticata. In particolare l’idea è quella di spiegare l’impatto devastante delle dighe idroelettriche su questi territori. Patagonia, insieme alle ONG partner, si rivolge ai cittadini di tutto il mondo chiedendo  di firmare una petizione per bloccare  il finanziamento di progetti di questo tipo.

Un luogo che merita protezione

Credo che questo luogo incontaminato richieda e meriti protezione”, afferma in una nota Yvon Chouinard, fondatore di Patagonia. “Alcune delle più grandi istituzioni finanziarie del mondo hanno adottato questa tecnologia obsoleta e sfruttatrice e stanno finanziando nuove dighe in alcuni degli ultimi posti incontaminati in Europa. Questo non è altro che uno spreco di denaro e una farsa morale. È una battaglia troppo importante da ignorare”.

Print Friendly, PDF & Email