Biogas, se l’energia arriva dalle bucce di arancia

29

Sfruttare scarti di lavorazione degli agrumi  per ottenere calore ed elettricità. È questo il procedimento attraverso cui l’azienda agricola Nuova Scala produce, nel suo impianto di biogas da 1 MW realizzato da BTS  a Mussomeli (Cltanissetta), 23,976 kWh al giorno di energia elettrica e termica rinnovabile. Una scelta, quella di utilizzare il pestazzo d’agrumi, che è legata anche ai costi rilevanti legati al corretto smaltimento di questi scarti e alla volontà sfruttarli il più possibile. 

In particolare per ottenere quotidianamente  23.976 kWh di energia sono necessarie in media 40 tonnellate di pestazzo d’agrumi, come fa sapere l’azienda in una nota, valore che su scala annuale si attesta intorno alle 16.425 tonnellate. 

Oltre al pestazzo d’agrumi l’impianto di biogas di Mussomeli utilizza anche insilato di sulla, silomais, pollina e sansa di olive. In tutti i casi viene impiegato un sistema di pretrattamento denominato ‘BioacceleratorR’ che rende la matrice in entrata più sfibrata e quindi più digeribile. 

 

 

Print Friendly, PDF & Email