Automobili connesse per città più intelligenti

100

Ridurre le emissioni dannose, evitare gli ingorghi nel traffico e gli sprechi in viaggio. Queste le potenzialità dell’applicazione della sensoristica alle automobili – dal machine to machine allo smart parking – ambito in cui si sta facendo spazio la britannica BT operante nel settore delle TLC.

Andy Rowland, Head of Customer Innovation, sottolinea come la tecnologia M2M aiuti a ridurre i costi, anche del settore automotive, oltre che l’impatto sull’ambiente: “Grazie a questo sistema i produttori di auto non dovranno necessariamente richiamare i migliaia di veicoli e sarà possibile usarlo anche per preparare i veicoli a viaggi particlari e per ottenere le migliori performance in città o in autostrada”. E sulla sicurezza, importante barriera all’acquisto, ha affermato: “Le auto possono essere trasformate in smartphone a due ruote, ma non sono state progettate per essere connesse. È per questa ragione che sono vulnerabili agli attacchi degli hacker. Rendere i veicoli e le loro connessioni più sicure è la priorità per BT: stiamo adattando strumenti e competenze adoperati abitualmente nel mondo dell’IT per sconfiggere gli hacker a quello dell’IoT”.

All’interno del più ampio programma Milton Keynes smart city BT ha realizzato un data hub per lo smart parking: “Ci sono attualmente circa 25.000 parcheggi ma entro il 2020 avremo bisogno di altri 12.000 – ha spiegato Rowlnad -. Questo è un grande problemma soprattutto perchè pesa sulle casse comunali che dovranno investire 15.000 sterline per creare nuovi spazi. Ad ogni modo sappiamo che circa 7.000 parcheggi sono vuoti a qualsiasi orario, principalmente perchè le persone non sanno come trovarli“. Ed ecco che l’installazione di sensori nei parcheggi della stazione ferroviaria di Milton Keynes ha permesso di registrare gli arrivi e le partenze dei mezzi e di inviare in modalità wireless le informazioniai ai lampioni che montano ripetitori di energia solare. “Siamo pronti per una nuova era in cui gli automobilisti sono più felici e il trasporto più verde“.

Anche l’illuminazione stradale e i collettori di rifiuti sono stati coinvolti nel progetto: mentre i lampioni intelligenti affievoliranno le luci quando la circolazione sarà nulla, i cassonetti smart avviseranno l’amministrazione quando saranno troppo colmi.

La sensoristica risulta importante anche per il controllo stesso dei veicoli: Tesla sta puntando sugli aggiornamenti di sistema “over the air” (OTA) permessi dalla mobile technology per ridurre le cause d’incendio che si presentano su 29.222 auto di propria produzione.

Print Friendly, PDF & Email