Entro il 2025 quasi la metà degli autobus pubblici a livello mondiale sarà alimentato a energia elettrica. E’ quanto emerge da un rapporto pubblicato da Bloomberg New Energy Finance (BNEF) secondo cui, se nel 2017 gli autobus elettrici in servizio erano circa 386 mila, nel giro di 7 anni si potrebbe arrivare a 1,2 milioni (47% del totale).

La Cina dominerà il settore

Dalla ricerca emerge come a dominare il mercato globale sarà la Cina che arriverà a rappresentare il 99% degli autobus elettrici su scala mondiale. “La Cina guiderà questo mercato grazie al forte sostegno interno e agli obiettivi aggressivi a livello di città”, spiega Aleksandra O’Donovan, autore dello studio e analista di BNEF al sito Futurism che riporta la notizia.

Una tendenza mondiale

A comprendere le potenzialità della mobilità elettrica nel settore del trasporto pubblico, e degli  autobus in particolare, non è solo la Cina. A puntare sulle vetture elettriche è anche la città di New York: la Metropolitan Transportation Authority (MTA) ha fatto sapere a inizio anno come sia in corso la sperimentazione di una flotta di 10 autobus elettrici. Se l’operazione dovesse portare a una flotta bus completamente elettrica la riduzione annuale di emissioni di CO2 sarebbe pari a 575.000 tonnellate, in base a quanto calcolato da un rapporto del 2016 di Judah Aber per la Columbia University.

Costi

Tra i fattori critici per la diffusione dei bus elettrici c’è il costo. Secondo lo studio della Columbia University la spesa più elevata – si parla in media di 300 mila dollari rispetto agli autobus diesel – sarebbe compensata dalla durata dei veicoli e dai risparmi legati all’alimentazione elettrica rispetto al carburante.

Print Friendly, PDF & Email