“Attenti al cane” rete smart protetta

20

Umpi ha messo a punto un sistema per abilitare le reti elettriche alla ricerca automatica di ladri di rame “Segugio Powerline”.

In pratica il sistema non solo è in grado di capire esattamente dove viene interrotta la linea, ma soprattutto lancia automaticamente un segnale di allarme ottimizzabile in diverse modalità (via sms, attraverso una chiamata vocale o via mail) direttamente al sistema di monitoraggio previsto, come un vero cane a guardia delle reti. Per far ciò l’azienda ha previsto un dispositivo che viene installato in prossimità del quadro elettrico che funge da master e dialoga con i dispositivi slave lungo le linee elettriche.

La funzione si può aggiungere alla brevettata piattaforma Minos System, di recente premiata a Parigi in occasione degli SGP Paris Awards, e già installata su mezzo milione di pali, luci e linee elettriche di molte città e di molte stazioni ferroviarie. Il sistema al servizio delle reti smart si pone quindi come facilitatore verso la risoluzione di un annoso e costoso problema. Permette anche di analizzare ed effettuare una reportistica completa degli eventuali tentativi di furto, a supporto anche delle forze dell’ordine impegnate a combattere queste azioni criminose.

Basti considerare che nei primi sei mesi del 2013 i furti di rame in Italia sono stati 11.040, il 12,1% in più rispetto ai primi sei mesi del 2012. In ambito ferroviario il Gruppo Fs ha stimato danni pari quasi a 31 milioni di euro, di cui circa 12 milioni per i costi degli interventi necessari al ripristino della circolazione. Danni economici che si ripercuotono anche sui cittadini, sui pendolari e passeggeri che oltre provocare l’interruzione di pubblici servizi essenziali, possono avere conseguenze per quanto riguarda la sicurezza e l’ordine pubblico.   

Print Friendly, PDF & Email