Approcci integrati alla smart grid

14

 DSC7906La riflessione sulle reti intelligenti può partire più a valle, come nel caso della “smart grid molecolare”, cioè un’unità avanzata che gestisce l’energia per un ogni singolo utente, come descritto da Giovanni Simoni di Kenergia.

Oppure si può partire più a monte e in questo caso l’esempio è dato da Filippo Passante di Alstom, che descrive “NICE Grid”, una sperimentazione di microgrid con funzionamento a isola in un quartiere della cittadina francese.

In tutti i casi serve comunque un coinvolgimento “pieno e integrato di tutti gli attori coinvolti”, ricorda Giorgio Graditi di Enea, per far sì che a tutti i livelli le smart grid possano svilupparsi correttamente.

La discussione nelle video interviste a tre protagonisti dello Smart Grid International Forum.

 

 

http://www.youtube.com/watch?v=D9QDLfi4MlA

http://www.youtube.com/watch?v=pZWH6_nrgHw

http://www.youtube.com/watch?v=VaQfQDRNhoY

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI
Antonio Jr Ruggiero
33 anni, nato ad Avellino, giornalista professionista, laurea in comunicazione di massa e master in giornalismo conseguito all’Università di Torino. È direttore delle riviste CH4, EIDOS e Italia Energia. In precedenza ha lavorato nel settore delle relazioni istituzionali e ufficio stampa, oltre ad aver collaborato con diversi media nazionali e locali sia nel campo dell’energia sia della politica. È vincitore di numerosi premi giornalistici nazionali e internazionali.