Agli Internazionali BNL d’Italia la mobilità è green

44

La 73esima edizione degli Internazionali BNL d’Italia, in programma a Roma dal 9 al 15 maggio, sarà a emissioni zero. Durante il torneo tennistico, infatti,  ad effettuare il trasporto degli addetti ai lavori  e la raccolta dei rifiuti saranno rispettivamente Goupil G3 e Melex 963, due veicoli elettrici forniti da Exelentia, società specializzata nella distribuzione di questo tipo di vetture.

 Goupil è un veicolo da lavoro, una macchina 100% elettrica  dotata di una vasca per la raccolta dei rifiuti” ha spiegato a Canaleenergia Andrea Mortera, direttore commerciale di Exelentia sottolineando come diverse flotte di questi furgoncini siano impiegate nel settore dell’igiene urbana, soprattutto nella zone del nord-Italia, e come nella città di Aosta, ad esempio, i veicoli siano caricati a energia solare. Tra le applicazioni di questi macchinari, che si caratterizzano per esere particolarmente silenziosi, ha aggiunto poi il manager, c’è  anche il trasporto bagagli negli aeroporti con la possibilità di spostare fino a una tonnellata di peso. “L’azienda che produce il veicolo è francese, assembla in Francia, ma l’85% della componentistica è italiana” ha sottolineato ancora Mortera. 

  Melex  963, ha aggiunto il manager, è,  invece, un veicolo  a 4 posti, omologato per la circolazione su strada, con una velocità che può raggiungere i 40 km/h (così come Gupil) e un’autonomia che si aggira intorno ai 60 KM. Il carico massimo della vettura è di 250 kg, mentre  Il display, integrato nel cruscotto, mostra le informazioni più importanti come la velocità o il livello delle batterie.

 

I nostri veicoli elettrici – sottolinea  in una nota Giovanni Zappia, Amministratore di Exelentia grazie alle loro caratteristiche tecniche sono in grado di ridurre i costi di gestione e manutenzione di oltre il 60% rispetto ad un equivalente veicolo dotato di motore termico. Nati per il lavoro grazie alla loro semplicità costruttiva, insieme al livello tecnologico raggiunto dalle batterie, permettono da una parte la riduzione dell’inquinamento, dall’altra quasi di azzerare i costi di manutenzione ordinaria e di contenere al massimo quelli straordinari.”

Print Friendly, PDF & Email