AGILE, il progetto europeo per apllicare l’iot a servizio dell’ambiente

112

Sviluppare applicativi software e l’hardware necessari per la costruzione di gateway modulari che consentono di gestire l’interazione con i dispositivi ed i sensori utilizzati nella realizzazione di  soluzioni per l’Internet delle Cose. E’ questo lo scopo del progetto di ricerca AGILE “Adaptive Gateways for Diverse Multiple Environments”, coordinato dal centro di ricerca CREATE-NET di Povo, una frazione di Trento, e finanziato con oltre  6 milioni di euro dalla Commissione Europea attraverso il programma quadro Horizon 2020. 

In particolare il progetto, che vede la partecipazione di 17 organizzazioni internazionali, si propone di fornire alle aziende una soluzione aperta basata su un gateway IoT modulare sia a livello hardware che software, ed un insieme di strumenti per lo sviluppo e controllo di applicazioni e servizi IoT che possa facilmente adattarsi a differenti contesti operativi d’uso.  

Tanti i partner del progetto provenienti dal contesto open source: Canonical, con la propria soluzione per embedded devices (Ubuntu Core), la Eclipse Foundation per promuovere le soluzioni open source di AGILE per l’IoT, Startupbootcamp per supportare l’adozione di AGILE da parte di startup, assieme ad altre PMI e partner di ricerca ed innovazione. 

 La soluzione realizzata nell’ambito del progetto AGILE verrà inoltre specificamente sperimentata in aree rilevanti ed innovative per l’IoT, come il monitoraggio del territorio e di aree portuali, del bestiame mediante l’utilizzo di droni, della qualita’ dell’aria e dell’inquinamento, e nello smart retail.


Print Friendly, PDF & Email