Pixabay

L’Australia punta sull’energia solare e nel 2018 potrebbe raddoppiare la capacità installata. Il settore, come si legge sul sito Futurism, vede il proliferare di progetti sia su scala industriale sia nel settore residenziale, dove i pannelli fotovoltaici si stanno diffondendo in maniera capillare nel Paese.

Un settore in crescita

Questo sviluppo non accenna ad arrestarsi, come sostiene il Guardian in un articolo sul suo sito. Se si confrontano i dati delle installazioni di pannelli solari sui tetti relativi al mese di gennaio 2018 emerge come, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, l’incremento sia stato pari al 69%. Inoltre, nel Nuovo Galles del Sud si sta lavorando alla realizzazione di 10 parchi solari (i progetti sono stati approvati nel 2017). Iniziative cui si aggiunge un  progetto approvato lo scorso gennaio. Sono in fase di ultimazione, infine, 18 progetti industriali nel vicino stato del Queensland.

Bassi costi di installazione

A contribuire al forte sviluppo del settore sono delle caratteristiche tipiche del mercato australiano che lo rendono molto più competitivo rispetto agli Stati Uniti, ad esempio. Se da una parte i prezzi dell’elettricità sono molto alti, dall’altra i costi di installazione degli impianti solari sono bassi. Elemento che, abbinato all’abbondanza di sole, fa sì che gli utenti optino per questo tipo di fonte energetica. In base ai dati riportati dal blog di James Martin di SolarChoice, società di broker di energia australiana citata nell’articolo, 1 casa su 5 in Australia ha attualmente un tetto solare e nel sud del Paese il 30% delle abitazioni ha scelto l’energia del sole.

Print Friendly, PDF & Email