A+ A A-

CONVEGNO ANEV E I-Com SUL RINNOVAMENTO DEL PARCO EOLICO ITALIANO SEN, ANEV: “6,6 MILIARDI DI EURO DI RISPARMI PER I CONSUMATORI DA QUI AL 2030”

Tags: ANEV , I-Com , EOLICO

Roma, 10 maggio 2017 – Il rinnovamento del parco eolico italiano, abbinato alla nuova capacità installata, potrebbe portare ai consumatori di energia risparmi pari a un totale di 6,6 miliardi di euro dal 2018 al 2030, grazie alla possibile riduzione del Prezzo Unico Nazionale dell’energia. Viceversa, in caso di assenza di specifiche misure per l’eolico, anche a causa delle dismissioni che avverranno tra il 20° ed il 25° anno di vita degli impianti, al 2030 la potenza installata potrebbe ridursi a 7 GW, persino al di sotto dell’obiettivo stabilito dal Piano d’Azione Nazionale per il 2020.

Sono i dati che emergono da uno studio condotto da eLeMenS per conto dell’ANEV, presentato oggi a Roma nel convegno, organizzato dall’Associazione Nazionale Energia del Vento insieme all’Istituto per la Competitività, I-Com, “Rinnovare per competere: il possibile contributo alla nuova SEN del rinnovamento del parco eolico italiano”.

Il convegno dell’ANEV e di I-Com, organizzato proprio nel giorno in cui il Governo presenta il documento sulla SEN, Strategia Energetica Nazionale - strumento che definirà le linee programmatiche dello sviluppo energetico per i prossimi anni - ha messo in luce il potenziale che potrebbe derivare dal rinnovamento del parco eolico installato e discuterne i benefici ambientali ed economici per il Paese.

Alla conferenza hanno partecipato manager nazionali e internazionali, imprenditori e parlamentari, in particolare: Marina Sereni, Vice Presidente della Camera dei deputati, Giulio Volpi, Policy Officer Renewables and CCS policy della Commissione europea, Francesco Sperandini, Presidente e Amministratore delegato del GSE (Gestore dei servizi energetici), Stefano Besseghini, Amministratore delegato del RSE (Ricerca sul sistema energetico), Lucia Bormida, Chief Public Affairs & Communication Officer ERG e Marco Peruzzi, Presidente e2i.

Secondo i dati presentati inizialmente da I-Com, con 154 GW complessivi, l’energia eolica rappresenta la seconda fonte per capacità installata nella UE 28 nel 2016, avendo superato nell’ordine il petrolio – ormai oltre 10 anni fa -, il nucleare, l’idroelettrico ed il carbone.

Nel 2016, in Italia risultano installati circa 9,2 GW di capacità eolica, che hanno coperto il 6% della domanda elettrica nazionale (con un incremento della produzione di 2 TWh, pari al 12% in più, rispetto all’anno precedente). Ma il futuro del settore (e con esso gli obiettivi europei al 2020 e al 2030) è a rischio se non si metterà rapidamente mano al rinnovamento del parco esistente, oramai sempre più obsoleto rispetto alle migliori tecnologie disponibili.

eLeMenS stima che i benefici per i consumatori derivanti dalla possibile riduzione del PUN, in esito agli investimenti in nuova capacità e al rinnovamento eolico degli impianti attuali, sarebbero al 2030 superiori a 1 miliardo di euro, di cui quasi 500 milioni attribuibili al solo rinnovamento. Viceversa, sempre secondo lo studio eLeMenS, in caso di assenza di specifiche misure per l’eolico (scenario inerziale), anche a causa delle dismissioni che avverranno tra il 20° ed il 25° anno di vita degli impianti, al 2030 la potenza installata potrebbe essere pari a 7 GW, addirittura sotto l’obiettivo stabilito dal PAN per il 2020.

Secondo l’ANEV e I-Com, il rinnovamento del parco eolico esistente, insieme alle nuove realizzazioni, consentirebbe di non perdere quegli impianti che sono ormai giunti a fine vita e presentano buone caratteristiche in termini di ventosità e accessibilità del sito. Tale attività di rinnovamento darebbe modo agli operatori di migliorare le aree interessate dal punto di vista paesaggistico e di spingere nella direzione dell’innovazione tecnologica, della produzione elettrica e dell’occupazione.

“Il raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni climalteranti deve passare da politiche intelligenti di sostegno alle tecnologie e alle soluzioni più efficaci, per questo dare spazio al rinnovamento eolico è una soluzione vincente sotto ogni punto di vista.” ha dichiarato il Presidente dell’ANEV Simone Togni. “Sostituire impianti obsoleti con tecnologie all’avanguardia – sempre secondo Togni - consente infatti di aumentare i benefici ambientali, riducendo l’impatto paesaggistico e sostenendo l’industria e l’occupazione nazionale”.

"Ci auguriamo che, anche grazie alla nuova SEN, si introducano elementi di semplificazione burocratica e amministrativa e si riservino al rinnovamento del parco eolico esistente una piccola parte delle risorse che si libereranno da qui al 2030 con il venir meno degli incentivi”, ha dichiarato Stefano da Empoli, presidente di I-Com.

Rubriche

Biogas, batteri “affamati” per rendere gli impianti più efficienti

EFFICIENZA - Monica Giambersio, 26-05-2017

Biogas, batteri “affamati” per rendere gli impianti più efficienti

Un acceleratore di processo “adattabile a qualsiasi tipo di impianto, per tecnologia e dimensione, che si applica senza alterazioni o modifiche della struttura”. E’ Bioreval, la soluzione realizzata...

Il futuro dei rifiuti umidi tra compost e bioraffinerie

THINK TECH - Redazione, 26-05-2017

Il futuro dei rifiuti umidi tra compost e bioraffinerie

Sfruttare le “grandi potenzialità industriali” legate al biometano, favorire l’utilizzo del compost in agricoltura e prevedere il su inserimento negli acquisti verdi della Pubblica Amministrazione, realizzando nei prossimi...

Basta telefonate moleste: Enel abbandona il teleselling

CONSUMER - Redazione, 25-05-2017

Basta telefonate moleste: Enel abbandona il teleselling

Il teleselling, cioè la vendita per via telefonica, viene spesso considerata un metodo poco chiaro di vendere un servizio nei confronti del consumatore.

Senza cadere in facili generalizzazioni...

Manovrina Ecobonus cedibile con maggiore facilità

IL COMMENTO - Andrea Di Dio - Teresa Gasparre, DLA Piper, 25-05-2017

Manovrina Ecobonus cedibile con maggiore facilità

Nell'ambito dei lavori di conversione del D.L. 24 aprile 2017, n. 50, la V Commissione Permanente "bilancio, tesoro e programmazione" della Camera ha approvato, in sede referente, una...

Nucleare al centro della sostenibilità energetica

IL COMMENTO - Redazione, 24-05-2017

Nucleare al centro della sostenibilità energetica

Le 18 bobine tiroidali che opereranno in ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor) a Cadarache, nel sud della Francia, presentate a La Spezia presso lo stabilimento di ASG Superconductors lo...

Una P.A. green vale 103 milioni di euro

SMART CITY - Redazione, 24-05-2017

Una P.A. green vale 103 milioni di euro

Se tutti i dipendenti pubblici acquisissero comportamenti di consumo responsabili si otterrebbe una riduzione che va dal 5 al 15% della spesa della P.A. in bolletta: circa 103...

La comunicazione al centro dell'efficienza energetica

EFFICIENZA - Redazione, 24-05-2017

La comunicazione al centro dell'efficienza energetica

Il ruolo dell’energy manager nell’industria alimentare si basa su coinvolgimento e comunicazione tra i reparti e passione per il proprio lavoro. Queste le conclusioni della quinta edizione di...

Infrastruttura a idrogeno, in Giappone l'accordo tra 11 imprese

THINK TECH - Redazione, 24-05-2017

Infrastruttura a idrogeno, in Giappone l'accordo tra 11 imprese

Si potrebbero definire i “fantastici 11 dell’idrogeno”, le altrettante compagnie che lo scorso 19 maggio hanno siglato un accordo di collaborazione per lo sviluppo indipendente su larga scala...

Mobilità elettrica, nel Comune di Milano 10 mila ricariche in un anno per Nissan e…

SMART CITY - Redazione, 23-05-2017

Mobilità elettrica, nel Comune di Milano 10 mila ricariche in un anno per Nissan e A2A

A2A, Nissan e Comune di Milano tirano le somme. Ad un anno dall’installazione delle 13 paline fast charge, progettate e fornite da Nissan per essere integrate nel sistema...

Elettricità dal metano grazie a batteri sintetici

THINK TECH - Redazione, 23-05-2017

Elettricità dal metano grazie a batteri sintetici

Riscrivere il dna dei batteri al computer per creare microorganismi sintetici non presenti in natura in grado di convertire il metano in elettricità. E’ quello che è...

Consulta la versione precedente del sito di

Gruppo Italia Energia © 2013 | Via Valadier 39, Roma

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy