A+ A A-

Wärtsilä sposa la causa di Seabin Project contro l’inquinamento degli oceani

14 marzo 2017 – La finlandese Wärtsilä ha siglato un accordo con Seabin Project, in cui aderisce al progetto pilota che affronta il problema mondiale dell’inquinamento degli oceani. Il progetto approccia la sfida da diversi punti di vista, con particolare enfasi sull’educazione, la ricerca e la tecnologia.

Wärtsilä prevede una collaborazione con Seabin Project per i prossimi tre anni e ha sponsorizzato il coinvolgimento della città e del porto di Helsinki nel programma. La collaborazione tra Wärtsilä e Seabin punta a un’azione dinamica e versatile che sfrutti l’esperienza, le tecnologie e il know-how di Wärtsilä in tema di produzione ecosostenibile come parte del programma per i festeggiamenti del centenario della Finlandia. La società celebra così i cent’anni dell’indipendenza finlandese, facendo qualcosa di concreto per il proprio Paese, come sponsorizzare la città e il porto di Helsinki.

Il Seabin è un cestino della spazzatura che viene collocato in acqua nei porticcioli, sui moli, negli yacht club e nei porti commerciali per raccogliere i rifiuti galleggianti. L’acqua viene risucchiata dalla superficie e passa attraverso il filtro a rete che si trova all’interno del Seabin, per poi essere immessa nuovamente nel porto; i rifiuti restano intrappolati nella rete e possono così essere smaltiti appropriatamente.

Oltre ai rifiuti solidi, il Seabin è in grado di trattenere anche alcuni oli e inquinanti liquidi che galleggiano sull’acqua. Al momento il team di Seabin Project fa utilizzo di pompe a immersione a 12 volt in grado di utilizzare fonti energetiche alternative e più pulite. A seconda della posizione geografica e delle tecnologie disponibili, può quindi essere utilizzata l’energia solare, a onde o eolica.

Il progetto pilota Seabin sarà avviato ad aprile 2017 con la presentazione e l’installazione in diverse località del mondo dell’ultimo prototipo (V5 Hybrid). Una di queste località sarà proprio Helsinki, attualmente l’unica tra i paesi nordici. Prima di iniziare la commercializzazione del Seabin, i partner del progetto pilota raccoglieranno dati ed esperienze degli utenti durante un periodo di prova di tre mesi.

Il sostegno alla città di Helsinki

Nell’ottica di un ambiente marino più pulito, Wärtsilä ha siglato un altro accordo con la città e con il porto di Helsinki in cui si impegna a donare due Seabin pre-serie da testare durante il periodo di prova. Altri quattro Seabin potranno essere installati dopo l’inizio delle vendite. La città e il porto di Helsinki si occuperanno della manutenzione giornaliera dei Seabin.

Iniziative ambientali ecosostenibili

Wärtsilä è membro della Sustainable Shipping Initiative e firmataria del Global Compact delle Nazioni Unite, e sta dando forma sia al mercato marino sia a quello energetico con soluzioni sostenibili e rinnovabili, tutte rivolte al miglioramento dell’impronta ambientale dei trasporti marittimi e della produzione di energia.

Wärtsilä offre tecnologie all’avanguardia per ridurre le emissioni delle navi, fornendo sistemi di depurazione dei gas di scarico e motori ibridi a doppia alimentazione progettati principalmente per il carburante gas naturale liquefatto, un’alternativa più pura al diesel o al biodiesel. In più Wärtsilä progetta, fornisce e installa una tecnologia pulita per la gestione delle acque di zavorra, che riduce la quantità di inquinanti scaricati nell’oceano, con conseguenti effetti benefici su tutto l’ecosistema marino. Il controllo a distanza e la gestione delle flotte offerti da Wärtsilä contribuiscono a ottimizzare l’operatività delle imbarcazioni.

L’ingresso nel settore dell’energia solare si è rivelato estremamente prezioso per ampliare il raggio di offerta di Wärtsilä, già considerevole. Espandendo il proprio portfolio con innovazioni sostenibili, Wärtsilä aiuta i suoi clienti a ridurre le emissioni di carbonio, diventando così la prima azienda a offrire centrali solari ibride pensate per clienti industriali. La soluzione ibrida combina infatti un parco solare PV con una centrale elettrica Wärtsilä Smart Power Generation ultraflessibile. Le due unità operano in sincronia per ridurre il consumo di carburante.

“Wärtsilä è fiera di unirsi al progetto pilota Seabin Global. Essendo tra i principali fornitori di soluzioni per l'industria marittima, è nostra responsabilità offrire prodotti efficienti che aiutino i nostri clienti a proteggere l’ambiente. È diventato ormai necessario intraprendere un’azione ambientale, e tutti noi possiamo contribuire, sia a livello d’impresa, sia individualmente,” ha dichiarato Jaakko Eskola, President & CEO di Wärtsilä Corporation.

"Siamo entusiasti che Wärtsilä abbia deciso di prendere parte a questo progetto, ed è motivo di grande orgoglio che l’azienda abbia deciso di fornire a una città intera i necessari Seabin. Ci aspetta prossimamente un’emozionante e dinamica collaborazione con Wärtsilä per sviluppare ulteriormente l’attuale tecnologia, in modo da riuscire a staccare i Seabin dal collegamento a terra e farli operare direttamente in acqua,” ha affermato Pete Ceglinski, Co-founder e Managing Director del Seabin Project.

Due parole sull’inquinamento degli oceani

L’effetto delle materie plastiche sul nostro ecosistema è sconvolgente. Secondo una stima, entro il 2025 nei nostri oceani potremo trovare una tonnellata di plastica ogni tre tonnellate di pesce. Inoltre, si ritiene che entro il 2050 gli oceani avranno al loro interno più plastica che pesce in termini di peso (fonte: Ellen Macarthur Foundation, 2016). Negli ultimi dieci anni abbiamo prodotto più plastica di quanta ne sia stata prodotta in tutto il secolo scorso. Ogni anno, la plastica provoca oltre 13 miliardi di dollari di danni all'ecosistema marino. Gli animali ingeriscono i nostri rifiuti o ne rimangono intrappolati. Gli habitat marini locali soffrono, con un conseguente impoverimento della popolazione ittica e dei frutti di mare, che può risultare in un danno per le industrie dei trasporti e del turismo, mentre l’uomo assume inconsapevolmente inquinanti nocivi alla salute mangiando prodotti ittici contaminati.

Rubriche

EOLO SpA porta la banda ultralarga a Varese

SMART CITY - Redazione, 30-03-2017

EOLO SpA porta la banda ultralarga a Varese

Le opportunità offerte dal 5G? Una tra tutte, “quello fisso può portare la banda ultralarga nelle zone più “difficili” del nostro Paese”. Così Luca Spada CEO di EOLO...

Motori più efficienti: così le auto aiutano l'ambiente

THINK TECH - Redazione, 29-03-2017

Motori più efficienti: così le auto aiutano l'ambiente

Il calo dei consumi di carburante sorpassa con decisione il calo dei livelli del traffico tra il 2007 e il 2015. Come? Grazie all’adozione da parte delle case...

Accordo GF Biochemicals/American Process per la realizzazione di una bioraffineria

THINK TECH - Redazione, 27-03-2017

Accordo GF Biochemicals/American Process per la realizzazione di una bioraffineria

Una bioraffineria, situata negli Stati Uniti, che si pone come obiettivo quello di arrivare a una produzione annua tra le 50 e le 200 tonnellate di prodotto...

Nuova luce per il Duomo di Carpi

THINK TECH - Redazione, 27-03-2017

Nuova luce per il Duomo di Carpi

La ricostruzione post sisma nel centro Italia procede con dei momenti altamente significativi per le popolazioni interessate. Tra questi c’è sicuramente la riapertura del Duomo di Carpi (cattedrale...

Tutto sull’Ecobonus 2017 in due siti web

EFFICIENZA - Redazione, 24-03-2017

 Tutto sull’Ecobonus 2017 in due siti web

Per la trasmissione dei dati relativi agli interventi di efficienza energetica ammessi alla detrazione fiscale del 65% e conclusi dopo il 31 dicembre 2016, ma anche per risolvere...

Efficienza, fil rouge dagli Stati Uniti al Giappone

EFFICIENZA - Redazione, 24-03-2017

Efficienza, fil rouge dagli Stati Uniti al Giappone

L’efficienza è, come sappiamo, un tema trasversale che attraversa le nostre vite, a volte, senza nemmeno accorgercene. C’è efficienza nella produzione di energia, quando si cerca...

Comfort e benessere i driver per la domotica in Italia, lo studio di HomeServe Italia

CONSUMER - Redazione, 24-03-2017

Comfort e benessere i driver per la domotica in Italia, lo studio di HomeServe Italia

Abitazioni come hub di connettività. Così il 93% dei consumatori vede il proprio futuro negli impianti domestici  domotici. Dati di mercato indicano come nel 2016 le soluzioni IoT...

Con #earthday2017 torna il #villaggioperlaterra

SMART CITY - Redazione, 23-03-2017

Con #earthday2017 torna il #villaggioperlaterra

La condivisione di conoscenze va di pari passo al divertimento al Villaggio della Terra, l’appuntamento della Capitale dedicato alla tutela del Pianeta e promosso in occasione di Earth...

Autoconsumo domestico: quanto si risparmia? Un caso pratico

CONSUMER - Roberto Gerbo, 23-03-2017

Autoconsumo domestico: quanto si risparmia? Un caso pratico

Cosa accade in una casa quando si inserisce una risorsa energetica fotovoltaica? E sopratutto quanto variano i consumi e i costi di questa abitazione. Roberto Gerbo, EGE ed...

“Domus Check”, Engie per l’uso razionale dell’energia

ARCHITETTURA_2.0 - Redazione, 20-03-2017

“Domus Check”, Engie per l’uso razionale dell’energia

“La liberalizzazione del mercato elettrico spinge verso una trasformazione del bene energia, da semplice kWh a bene complesso, che include diverse componenti di servizio, come quelle legate...

Consulta la versione precedente del sito di

Gruppo Italia Energia © 2013 | Via Valadier 39, Roma

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy